New Michel8 del 31 Maggio 2020

Continuiamo il nostro viaggio all’interno dei gruppi parrocchiali! Buona lettura!

I LUPETTI

Il grande gioco dello scoutismo inizia fin da piccoli. Nel nostro gruppo scout bambine e bambini dagli 8 ai 12 anni cominciano a vivere questa fantastica avventura. Si riuniscono in gruppo di circa 25 bambini/e, tutto cambia di nome e ci si ritrova a far parte di un Branco, ad essere lupetti e lupette e a giocare ed imparare con gli adulti che li guidano. Il Lupettismo è un metodo educativo che ha come scopo quello di voler far crescere i bambini rispetto alle proprie caratteristiche ed esigenze utilizzando il gioco, la vita all’aria aperta, vivendo le esperienze in un clima sereno chiamato Famiglia Felice. Molto importante è l’utilizzo di un ambiente fantastico basato su una riduzione del testo “Il libro della giungla” di Rudyard Kipling a cui tutto viene riferito. Secondo il nostro fondatore, Baden Powell, era molto importante l’utilizzo di un ambiente fantastico, si rese conto che nei racconti contenuti nei Libri della Giungla di Rudyard Kipling c’era già l’ambiente ideale che cercava, perciò chiese all’autore, che era già suo amico, il permesso di utilizzarli e gli fu subito concesso.
I lupetti crescono in 4 anni di Branco grazie ai giochi e alle attività presentate dai loro “capi” (chiamati Vecchi Lupi) mirate alla crescita individuale e alla valorizzazione delle peculiarità di ciascuno.
L’ambiente Giungla ricopre tutte le attività permettendo ai lupetti di fantasticare all’interno di un contesto per loro più semplice da capire, maggiormente avvincente per il linguaggio fantastico utilizzato che si avvicina alle caratteristiche delle loro età e alle loro esigenze. L’adulto entra nel mondo del bambino perché gioca lo stesso gioco, vive negli stessi ambienti e lo guida verso avventure sempre diverse e avvincenti tenendo sempre un occhio ben aperto al messaggio che vuole trasmettere grazie all’esperienza del gioco o dell’attività.
Nel nostro gruppo scout ci sono due Branchi Roccia della Pace e Waingunga

IL GRUPPO COMUNIONI

Il gruppo catechisti prime comunioni si occupa di preparare i bambini al sacramento della comunione. I gruppi sono due di primo e secondo anno a loro volta suddivisi in tre gruppi di circa 14/15 bambini dagli 8 anni di età. La durata del percorso di preparazione è di due anni. Gli incontri avvengono di martedì o di venerdì a seconda di come si alternano il primo con il secondo anno. I genitori sono coinvolti in questo percorso di accompagnamento al sacramento sia durante i due anni con attività condivise con i bambini ma anche seguendo un percorso di approfondimento della fede con il sacerdote e con dei catechisti dedicati ciascuno per il suo gruppo. Riteniamo fondamentale questa attività perché rinfresca la spiritualità dell’adulto poiché sono il riferimento più grande dei loro figli. Infatti al termine del cammino, ritornano ad essere i custodi della fede dei propri figli. La messa dedicata ai bambini alla domenica è quella delle ore 10 e ciascun gruppo, primo e secondo anno, si alterna al servizio della messa genitori compresi. Questo aiuta a prendere confidenza con la messa, e rendere partecipi tutti al servizio che riteniamo fondamentale in una comunità di persone che hanno la stessa finalità: seguire Cristo.

IL GRUPPO EMMAUS (Due testimonianze)

Il Gruppo Emmaus è nato circa 18 anni fa, per iniziativa di Enzo e Lia, come gruppo di coppie che intendevano affrontare la vita coniugale e genitoriale, ponendo al centro del loro percorso la Parola di Dio. L’interesse è stato rivolto nel tempo su specifici passi della Bibbia collegati alla vita sponsale o sulla lettura e la condivisione di libri sempre riguardanti le problematiche della coppia e l’educazione dei figli; poi, man mano che cambiavano le esigenze, si è allargato a soddisfare un bisogno più diffuso di conoscenza della Scrittura.
Il sacerdote che ha accompagnato per anni il nostro percorso è stato l’ex parroco Don Aristide.
Il cammino era scandito da incontri periodici, ogni due settimane, che si tenevano in genere nel pomeriggio del sabato o della domenica, nel corso dell’anno, con momenti di condivisione e socializzazione (cena) in prossimità del Natale e della Pasqua e con un ritiro, che si teneva prima delle vacanze estive in santuari dei dintorni di Roma o in altre regioni. Il percorso ha portato le coppie a maturare una consapevolezza del ruolo della Parrocchia come guida e sostegno della famiglia, una vera famiglia di famiglie, e dell’importanza del concedere la propria disponibilità alla collaborazione, perché la Parrocchia stessa possa rimanere aperta a chi ad essa si accosta per la prima volta. Molti dei membri del gruppo hanno collaborato nel tempo alle catechesi rivolte agli adulti i cui figli si accostavano alla prima comunione e alla cresima; per anni inoltre hanno collaborato con il Parroco nella preparazione al matrimonio delle nuove coppie di sposi.
Un altro bellissimo dono che ci è stato concesso è quello di poter collaborare con il Gruppo Caritas a organizzare, preparare e servire il pasto in una casa di accoglienza di persone senza tetto.
Nel tempo il gruppo è cambiato, ha vissuto vicende alterne, fatte di alti e bassi, come sempre succede: alcune coppie si sono distaccate, perché si sono trasferite o hanno scelto altre esperienze di cammino, nuove coppie si sono aggiunte lungo il precorso, altre ancora si sono staccate per poi tornare.
Nell’ultimo anno, per rispondere alla necessità di aiuto e collaborazione dovuto al numero sempre più esiguo di sacerdoti, il gruppo ha deciso di trasformare un po’ la propria identità, accogliendo chiunque (non più solo coppie) abbia desiderio di approfondire la propria relazione con Dio, attraverso la riflessione sulla Parola. Nell’ultimo anno, infatti ci siamo visti il sabato, ogni due settimane, per riflettere con l’aiuto sulle letture della domenica e prepararci meglio all’incontro con il Signore nella S. Messa. È stato bello incontrare persone nuove e accoglierne l’esperienza.
Il cammino del Gruppo Emmaus inizia in parrocchia nei primi anni degli anni 2000 per merito dell’iniziativa di 2 parrocchiani DOC, da anni molto presenti e collaboratori instancabili della nostra parrocchia San Michele Arcangelo. In epoca non sospetta come quella attuale di coronavirus Enzo Angiolini e Lia Capanna (dal mese di gennaio 2016 Lia è nelle braccia del Signore) avevano intuito l’importanza della parrocchia e della collaborazione volontaria e gratuita alle attività parrocchiali nella vita di ognuno di noi , sostenendo le attivita’ e le iniziative parrocchiali sempre come meglio potevano. In quegli anni ,corrispondenti ai primissimi periodi di insediamento del allora nuovo parroco Don Aristide Sana, proposero e formarono un gruppo parrocchiale formato unicamente da coppie regolarmente sposate sensibili alla fede cristiana con il duplice scopo di favorire, stimolare, far crescere la formazione e l’apprendimento della fede cristiana nella coppia e, nello stesso tempo , testimoniare questa scelta nella vita di tutti i giorni, in parrocchia ed alle coppie piu’ giovani.
Pertanto tutti i componenti delle coppie hanno partecipato sia ad incontri di formazione affrontando e riflettendo su temi e testi quali : Il Cantico dei Cantici, Le Virtù Teologali e Cardinali, Le Beatitudini , I Profeti, testi scelti di anno in anno da Don Aristide che ,a turno, agli incontri di preparazione al matrimonio delle giovani coppie prossime a ricevere il sacramento del matrimonio. Nella testimonianza senza dubbio si sono sempre distinti Gino e Luisa Agazzani forti sia della loro convinzione e preparazione rispetto al sacramento del matrimonio che della loro esperienza religiosa anche in altre Comunità.
Negli anni a turno i componenti del gruppo hanno partecipato in base alle loro possibilità, alle attività parrocchiali (catechismo,celebrazioni festività, Caritas ecc.)
Attualmente il gruppo partecipa con regolarità (una volta al mese) ad attività di volontariato offrendo e distribuendo un pasto completo ai meno abbienti che si rivolgono al Centro fondato da Madre Teresa di Calcutta e , diretto attualmente da Padre Sebastian, situato nei pressi di Largo Preneste a Roma. Inoltre nell’ultimo anno il gruppo si è impegnato nell’organizzare incontri di preparazione alla messa domenicale. Tali incontri, aperti a tutti, si svolgono il sabato (in genere 2 volte al mese), unicamente in parrocchia alla presenza almeno di un sacerdote , hanno lo scopo sia di coltivare il piacere di incontrarsi che soprattutto meditare e riflettere sulle tematiche, contenuti e messaggi provenienti dalla Parola del Signore proposta dalla Chiesa nella messa domenicale. In tal modo i partecipanti hanno oltre alla possibilità di ascoltare la Parola anche quella di partecipare offrendo i propri contributi, riflessioni personali ma anche esprimere dubbi o chiedere spiegazioni in un clima sereno ma anche di preghiera e contemplazione. Lo schema iniziale prevedeva una turnazione nella preparazione degli incontri, dietro sorveglianza del nostro Parroco Don Gianmarco o di un sacerdote da lui delegato, in genere Don John. Rappresentano una semplice proposta e verranno portati avanti solamente se considerati utili per il bene della Comunità Parrocchiale.

Avvisi

Orario S. Messe: feriali e Sabato ore 8.30 – 18,30 – Domenica ore 8,30 – 10.00 – 11,30 – 18,30
Le S. Messa feriali e quelle della Domenica alle 8.30 e alle 18.30 saranno svolte in Chiesa. Si curerà il ricambio d’aria in chiesa. E’ stata prevista una portata max di 70 persone. Le S. Messe della Domenica saranno svolte nel cortile della Parrocchia. Prima e dopo la S. Messa tutta la chiesa e le sedie saranno sanificate e igienizzate con prodotti virucidi, anche l’ambone, i microfoni, i vasi sacri. Siamo ancora in stato di emergenza nazionale, grazie per la comprensione, la collaborazione e la pazienza! La responsabilità personale di tutti aumenterà la sicurezza della nostra Liturgia.
AVVISO IMPORTANTE X TUTTI GLI ISCRITTI ALLA VACANZA COMUNITARIA IN MONTAGNA:
L’Agenzia ci ha comunicato che, alle condizioni attuali, è loro intenzione mantenere la possibilità di fare la vacanza rispettando tutte le Norme ed i Protocolli loro indicati. Abbiamo bisogno di sapere entro il 15 giugno chi ha volontà di confermare e chi invece vuole disdire la vacanza.
Sarà necessario rivedere la situazione per tutti coloro che avevano prenotato il pullman.
Siete pregati di passare NEGLI ORARI DI UFFICIO per comunicare quanto deciso.